Pizzo Calabro e Piedigrotta

La storia a soli 15 Km dal Villaggio Hotel Lido San Giuseppe

 

PIZZO CALABRO è posta a strapiombo sul mare a 56 m. di altezza, è una pittoresca cittadina d’origine medioevale, con viuzze e stradine che si intersecano per convergere nella grande piazza che anima le notti estive. È entrata a pieno titolo nella storia perché il 13 ottobre 1815 fu testimone della fucilazione dell’ex re di Napoli, cognato di Napoleone Bonaparte, Gioacchino Murat. L’esecuzione avvenne nel poderoso castello, centro della vita cittadina, fatto costruire da Ferdinando di Aragona nel 1486, nell’ambito di una generale riorganizzazione militare del regno di Napoli. Questo manufatto ha un corpo quadrangolare con torri cilindriche (una merlata), e doveva essere dotato di un ponte levatoio che lo teneva separato dalle abitazioni circostanti.
Pizzo Calabro possiede alcuni luoghi da visitare: la Chiesa di San Giorgio Martire del 1587 (portale marmoreo con S. Giorgio che trafigge il drago, opera di bottega del Fontana); la Chiesa di Santa Maria delle Grazie (statua lignea del ‘700), la Chiesa del Carmine (del ‘400 con accorpato il monastero dei Padri Carmelitani).
Inoltre da non perdere è il Museo del mare: con 45.000 conchiglie, fauna e flora marina da tutto il mondo, attrezzi per la costruzione di barche e per la pesca, 120 quadri raffiguranti la vita del mare e i marinai; a ingresso gratuito. È d’obbligo degustare il famoso tartufo di Pizzo, di uno dei tanti maestri gelatai di questa città.

 

PIEDIGROTTA possiede una singolarissima chiesa scavata in una grotta ai piedi della spiaggetta nominata di Piedigrotta, popolata di statue e altari votivi in tufo, opera dello scultore A. Barone. La chiesetta dal 2005 è patrimonio dell’Unesco ed è il monumento di arte religiosa più visitato di tutta la Calabria. Molto suggestivo il gioco di colori che si diffonde in tutta la chiesa dalle varie aperture della grotta: l’effetto che si crea da quasi l’impressione che le statue cambiano espressione.